Così aiutiamo le aziende ad innovarsi

07/01/2021

Lo Standard ISO 56002 sarà presto “un requisito di mercato”

Alessandro Bondielli e Francesco Marcelloni

Intervista a Flavio Ubezio
/Direttore scientifico ISO56002.IT.

Lo standard di innovazione ISO 56002, è stato introdotto quasi un anno e mezzo fa dalla comunità internazionale per supportare le imprese a gestire in maniera strutturata l’innovazione.

“I benefici apportati da questo standard sono molteplici e presto diverrà una richiesta di mercato” spiega Flavio Ubezio fondatore di ISO56002.it, una delle realtà italiane che supportano le aziende nella gestione del proprio processo di innovazione. “Le aziende che già lo stanno adottando – continua Ubezio – si troveranno pre- sto in vantaggio rispetto ai concorrenti”.

In che modo si troveranno in vantaggio?
Quali sono i benefici nell’aderire agli standard ISO di innovazione?

Lo Standard ISO 56002 affonda le proprie radici sul presupposto che l’innovazione, quale atto di creazione o redistribuzione di valore, sia il vero motore della competitività di impresa sia nel breve sia nel medio-lungo termine. Il principale beneficio nell’adozione dello Standard ISO 56002 è dotare la propria azienda dell’assetto organizzativo necessario per innovare costantemente e con sistematicità, forti di un riferimento dalla comprovata efficacia. In seconda battuta, adottare un approccio olistico alla gestione dell’innovazione garantisce all’azienda di non perdere opportunità di business nel proprio settore. Difatti, il numero di aziende che sta adottando questo paradigma organizzativo è in forte crescita e di conseguenza è in crescita l’attrattività delle aziende che lo adottano da parte degli attori a monte della propria filiera.

Quante aziende in Italia aderiscono allo standard ISO56002?

È difficile dire con certezza quante aziende lo adottino, perché lo Standard nasce come guida per le imprese e non come riferimento prescrittivo. Gli enti di certificazione si stanno dotando di schemi interni per verificarne l’adozione, ma è un processo ancora in itinere. Si può dire però che le aziende che stanno oggi abbracciando lo Standard ISO 56002, stanno approcciando i temi dell’innovazione con lungimiranza e ne beneficeranno a breve, in particolare quando questo diverrà una richiesta di mercato e si troveranno in vantaggio rispetto ai concorrenti. Aziende che operano in filiere internazionali hanno maggiore urgenza di muoversi in questa direzione, perché in molti Paesi esteri la diffusione di questo paradigma è giunta ad uno stadio successivo.

Quali aziende si rivolgono a ISO56002.it?

Ci relazioniamo con aziende di ogni settore e dimensione, perché l’esigenza di garantire alla propria azienda di essere sul mercato nei prossimi venti anni è sentita da imprenditori e manager senza limitazioni. E lo Standard ISO 56002 è pensato per supportare organizzazioni di ogni natura e dimensione. Queste aziende si rivolgono a noi per comprendere come configurare il proprio sistema di gestione dell’innovazione conformemente a questo riferimento dalla comprovata efficacia. E trovano in noi verticalità e profondità di competenze, oltre ad un approccio pragmatico.

Sul vostro sito è possibile compilare un questionario per un primo assessment dello stato di innovazione di un’azienda. Di cosa si tratta?

L’assessment di autovalutazione preliminare è uno strumento che mettiamo gratuitamente a disposizione di tutti per avere una prima indicazione di maturità del proprio sistema di gestione dell’innovazione rispetto a quanto proposto dallo Standard ISO 56002. Da qui merge una prima indicazione di come l’azienda opera rispetto ai principi proposti dallo Standard.

Cosa fanno poi le aziende che decidono di farsi guidare in un percorso di innovazione?

Successivamente all’autovalutazione, la prima azione che viene intrapresa e che suggeriamo di seguire è di acquisire piena consapevolezza di cosa si intende per gestione strutturata dell’innovazione aziendale. Per farlo, imprenditori e manager che han- no richiesto l’assessment si iscrivono individualmente al nostro corso ISO 56002 che tengo online personalmente con cadenza mensile. Alcune aziende invece si attivano in direzione dello Standard andando a toccare uno dei punti cardine, ossia il pieno coinvolgimento dell’intera Direzione Aziendale nel sistema di gestione dell’innovazione. In genere noi aiutiamo queste aziende con un intervento formativo esclusivo per sensibilizzare al tema l’intera Direzione.

Tra i punti cardine di ISO 56002 c’è la conoscenza del contesto all’interno del quale l’azienda opera. In che modo?

Conoscere l’ambiente esterno all’azienda è fondamentale per prendere decisioni pienamente informate. Questo punto può essere tradotto nella pratica manageriale inserendo, a monte della propria pianificazione strategica aziendale, una analisi PESTEL, ossia una analisi dei fattori politici, economici, sociali, tecnologici, ambientali e legali che insistono sul proprio settore. Questa analisi può essere statica, ossia volta a rilevare fattori di più imminente riconoscibilità, oppure dinamica, ossia volta ad identificare megatrend che potrebbero ridefinire i modelli di business di settore così come l’azienda li conosce oggigiorno.

Questo è ciò che di fatto suggerisce lo Standard ISO 56002 in materia di megatrend di settore: individuarli, monitorarli e portarli in azienda, ad esempio realizzando progetti sperimentali o formando le proprie persone.

 

Adottare gli stadard IS0 di innovazione significa dotare la propria azienda dell’assetto organizzativo necessario per innovare costantemente e con sistematicità.

Autore

  • Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Sed eget tempus libero, eu efficitur dui. Aenean vestibulum condimentum sollicitudin. Proin nec ipsum dignissim, sodales mauris eget, commodo augue. Pellentesque orci nibh, porta ut metus ac, fermentum tincidunt nisl. Nullam consectetur faucibus leo, in laoreet leo pharetra in. Nulla in dapibus magna. Donec non dui ornare, mattis diam eu, volutpat nisl. Nulla eu iaculis sem. Ut quis pellentesque erat. In dignissim facilisis leo, condimentum ultricies leo eleifend nec. Donec lacinia dui nec consectetur aliquam. Quisque eu nisi sit amet neque scelerisque ornare in sit amet nisi. Fusce condimentum lobortis libero in varius. Phasellus ex purus, sollicitudin lobortis consectetur ornare, convallis aliquet lorem. Praesent quis scelerisque enim. Morbi elementum gravida interdum. Nulla sodales congue massa in lacinia. Proin eget commodo ligula. Orci varius natoque penatibus et magnis dis parturient montes, nascetur ridiculus mus. Morbi vel mi rhoncus, mattis purus quis, sodales nulla. Fusce luctus, felis sit amet facilisis posuere, purus odio gravida odio, vitae aliquet ipsum quam et sapien. Phasellus ultrices libero sed dolor fermentum fringilla. Aliquam ullamcorper mi a risus rutrum luctus. Sed ullamcorper porttitor nisl, sit amet euismod ante interdum placerat. Nulla lacinia massa sed enim egestas, et tempus libero semper. Suspendisse lobortis ex sed cursus convallis. Suspendisse mi metus, viverra et dapibus et, rutrum vitae sem. Aliquam ornare vel sapien ac bibendum. Nulla facilisi. Suspendisse auctor lacinia vulputate. Proin a fringilla augue. Duis ac felis at tellus faucibus ultrices. Sed ultricies euismod finibus. Fusce auctor sed mi sagittis viverra. Duis maximus turpis vel magna vestibulum dictum.

Rimani sempre aggiornato

Iscriviti alla newsletter e non perderti nessun articolo in uscita

Iscrivimi

Tipiace la rivista?

Abbonati subito!

Scegli tra diversi tipi di abbonamento quello più adatto a te e ricevi tutte le uscite di Tecnologia&Innovazione.

Abbonati ora

Scopri di più

Potrebbe interessarti anche…

Tra artigianato e innovazione

Tra artigianato e innovazione

31/08/2021 Il mondo delle supercar punta sull’eco-sostenibile Martina Miliani Intervista a Luca Mazzanti /CEO Mazzanti Automobili Come si unisce l’attenzione e la cura di un lavoro artigianale con le più innovative tecnologie digitali? Dove la costruzione di auto di...

A scuola di impresa: come si innova in Amazon

A scuola di impresa: come si innova in Amazon

17/08/2021 Un toolkit per la partecipazione ai processi innovativi Alessio Campoccia "Il secondo è un giorno di stasi. Il terzo, un giorno irrilevante. Segue un declino straziante e doloroso. E poi la morte. Ecco perché deve essere sempre il primo giorno." Questa...